Un allenamento mirato con i pesi permette di andare a correggere gli errori di postura. Ecco i 4 principi base per ottenere risultati rapidi e duraturi

Forse non tutti sanno che l’allenamento con i pesi è in grado di influenzare in maniera importante il corretto allineamento posturale.

Per natura i nostri muscoli in posizione di riposo si trovano nella propria lunghezza ottimale.
Di fatto però le posture che assumiamo nel corso della giornata, in particolar modo quelle statiche tenute per molto tempo (ad esempio lo stare seduti durante tutta l’attività lavorativa), possono portare a delle alterazioni anatomiche in grado di modificare il nostro allineamento posturale, andando a comportare delle problematiche funzionali oltre che estetiche.

Mantenere un muscolo per alcune ore in posizione di allungamento comporta un’alterazione della normale curva tensione/lunghezza e questo a lungo andare porta ad una riduzione della forza del muscolo a riposo.
Un muscolo allungato e debole porta a scompensi posturali che col tempo andranno a generare problematiche anche significative.

Allo stesso modo, anche un muscolo che rimane accorciato per molte ore diventa più debole andando ad alterare la normale curva tensione/lunghezza. Questo perché all’interno della cellula muscolare vi sarà una diminuzione del numero di sarcomeri in serie (l’opposto avviene con l’allungamento, in cui il numero di sarcomeri in serie aumenta).

Un esercizio svolto in palestra con i pesi è in grado di andare a modificare la lunghezza dei vari muscoli interessati, andando quindi ad alterare la postura in meglio o in peggio a seconda del tipo di allenamento e della nostra situazione di partenza.

Vediamo quindi i 4 principi base dell’allenamento che influenzano la lunghezza dei vari muscoli.

I 4 principi base per modificare la lunghezza di un muscolo

  • Un esercizio nel quale il muscolo target parte da un allungamento completo e termina con un accorciamento incompleto, porta ad un allungamento del muscolo in questione.
    Questa modalità di esecuzione è consigliata per allenare muscoli accorciati che necessitano di riacquisire la naturale lunghezza. Al contrario è sconsigliata nel caso in cui i muscoli da allenare siano già più allungati del normale.
  • Un esercizio nel quale il muscolo target parte da un allungamento incompleto e termina con un accorciamento completo, porta ad un accorciamento del muscolo in questione.
    Questa modalità di esecuzione è consigliata per allenare muscoli allungati che necessitano di tornare alla naturale lunghezza. Al contrario è sconsigliata nel caso in cui i muscoli da allenare siano già più accorciati del normale.
  • Un esercizio nel quale il muscolo target parte da un allungamento incompleto e termina con un accorciamento incompleto, porta ad un accorciamento del muscolo in questione.
    Questa modalità di esecuzione è consigliata per allenare muscoli allungati che necessitano di tornare alla naturale lunghezza. Al contrario è sconsigliata nel caso in cui i muscoli da allenare siano già più accorciati del normale.
  • Un esercizio nel quale il muscolo target parte da un allungamento completo e termina con un accorciamento completo, non porta a cambiamenti di lunghezza del muscolo in questione.
    Questa è la modalità di esecuzione consigliata nella maggioranza dei casi. Ovvero quella in cui la lunghezza del muscolo da allenare rientra in quella naturalmente fisiologica.

Conclusioni

Ora che sei padrone dei principi che portano un muscolo accorciato ad allungarsi o uno allungato ad accorciarsi, puoi includere tecniche di allenamento nella tua routine per andare a correggere le problematiche muscolari più frequenti, come possono essere ad esempio quelle dei bicipiti femorali troppo corti che portano ad uno scorretto allineamento del bacino e di conseguenza della colonna vertebrale.

Allo stesso modo puoi capire quanto sia importante in una situazione di normalità svolgere i propri esercizi in palestra sfruttando l’intero ROM (range di movimento), che va da un allungamento completo ad un accorciamento completo. Solo in questo modo potrai mantenere la corretta curva tensione/lunghezza del muscolo evitando di andare ad accorciarlo o allungarlo.

Ovviamente il nostro consiglio è sempre quello di farti seguire da un fisioterapista preparato, ma riteniamo sia comunque importante essere padroni di alcuni dei principi base che regolano la nostra fisiologia.

In questo caso ad esempio, il 99% delle persone è convinta che l’unico modo di allungare un muscolo sia quello di fare stretching e che l’allenamento con i pesi porti ad un accorciamento dello stesso, quando invece anche con i pesi è possibile allungare un muscolo in maniera assolutamente efficace e sicura.